Select Page

Destinazione Luna per Orion ed Esprit

Orion potrebbe volare a bordo di un lanciatore commerciale. E’ quanto dichiarato dal numero uno della Nasa durante una riunione al Senato dove si è discusso del futuro della navetta parte dello Space Launch System. Orion dovrebbe partire per la Exploration Mission -1 nel 2020 per una missione senza equipaggio diretta verso l’orbita lunare retrograda con lo scopo di dimostrare l’affidabilità dell’SLS e dei sistemi principali di Orion, incluso il modulo di servizio europeo, ma i diversi ritardi accumulati, potrebbero far slittare ulteriormente il volo inaugurale.

Orion e Sls avranno anche il compito di trasportare gli astronauti sul Lunar Gateway, la stazione posta in orbita cislunare che supporterà l’accesso di missioni umane e robotiche sulla Luna. Il gateway sarà composto da una serie di moduli di cui due l’Esprit e l’I-Hab che rappresentano una parte dei contributi Esa al gateway e i cui studi preliminari saranno affidati all’industria italiana. Nel dettaglio Esprit include sistemi di stoccaggio e rifornimento del propellente e l’I-Hab un elemento pressurizzato per l’equipaggio con funzionalità di attracco per i veicoli spaziali provenienti dalla terra.

Nel frattempo il futuro di Sls e Orion è ancora incerto: la Nasa non ha ancora preso contatti con le aziende – come la United Space Alliance o SpaceX–  che potrebbero fornire i lanciatori alternativi. Uno dei problemi primari è la disponibilità dei lanciatori commerciali che non riuscirebbero ad essere modificati per fare posto a Orion  in un lasso temporale così breve. La via più semplice da percorrere, prevede la modifica dei veicoli già in fase di sviluppo che potrebbero essere riassegnati a missioni appositamente dedicate al trasporto di Orion.

Autore

EDITORIALE

di Francesco Rea

Il giornale on line dell’ASI si mette in modalità estiva. Non cambia nulla, se non il video del giorno che riproporremo con i video più significativi fin qui pubblicati. Non mancheranno i video, a partire dalla web series di Beyond, ma rallenteremo il ritmo

Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST