Seleziona Pagina

Costante di Hubble, una nuova stima

Gli studi sulla costante di Hubble, la misura del tasso di espansione dell’Universo, continuano a tenere viva l’attenzione degli scienziati. Una nuova ricerca  dell’Università della California ha misurato la luce proveniente da galassie distanti in un sistema di immagini multiple sfruttando l’effetto lente gravitazionale. Questo sistema, ampiamente usato per la misura della costante, consente di vedere arrivare la luce da diverse direzioni e in momenti diversi a causa della differenza nelle lunghezze del percorso ottico per le varie immagini.

Per realizzare una stima più precisa, gli scienziati hanno utilizzato la tecnologia ottica adattiva installata sul  telescopio Keck delle Hawaii e la stima ottenuta della costante è stata pari a 76,8 chilometri al secondo per megaparsec, una misura differente dall’ultima calcolata con lo stesso metodo grazie ai dati di Hubble nel 2017, pari a 71,9.

Anche se la discrepanza tra i dati di Keck e Hubble è minima, in relatà rappresenta una grande sfida per gli astronomi e fornisce nuovi spunti per questo settore della fisica. Saranno necessarie ulteriori misurazioni ancora più precise e nel caso in cui la discrepanza dovesse essere confermata, sarebbe necessaria una revisione dell’attuale modello cosmologico standard.

Leggi l’articolo

Circa l'autore

L’editoriale

Tutti i numeri di Global Science 

di Francesco Rea

97.000 utenti unici mensili. questo è il dato che Global Science ha registrato a partire dal mese di agosto confermato a settembre e che sembra essere il trend per quanto riguarda il nostro giornale online… Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST

ADV