Seleziona Pagina

Pronto soccorso per satelliti

Pronto soccorso per satelliti

Un satellite fuori uso è un costoso e, talvolta, pericoloso oggetto ‘galleggiante’ che vaga in orbita attorno alla Terra per anni, per poi precipitare in atmosfera e disintegrarsi per via delle altissime temperature.

Quando i satelliti terminano la loro vita operativa per un guasto o per l’esaurimento del carburante  – il che è molto frequente – c’è poco da fare. Per questo motivo nel corso di questi anni hanno preso il via diversi progetti volti a ideare una tecnologia robotica in grado di prestare assistenza e riparare satelliti in orbita.

Tra queste, sta prendendo forma una tecnologia sviluppata dall’Università di Cincinnati, che prevede l’utilizzo di un satellite robotizzato in grado di compiere azioni di ripristino o di rifornimento carburante in maniera indipendente. Lo studio ha testato la tecnologia su un gruppo di robot a cui è stato affidato il compito di afferrare e poi spostare un oggetto in un punto specifico, utilizzando un’intelligenza artificiale chiamata genetic fuzzy logic.  Nello spazio, però, le dinamiche sono molto più complesse e complicate, poiché anche un piccolo urto involontario a gravità zero potrebbe far cadere uno o più veicoli. «Abbiamo strumenti di simulazione per testare le nostre tecnologie, quindi grazie ad essi possiamo prevedere con precisione il loro comportamento», ha affermato, Ou Ma, autore dello studio. «Ma afferrare qualcosa nello spazio è davvero difficile. E afferrare qualcosa che cade nello spazio lo è ancora di più. Non stiamo sviluppando un’intera missione. Stiamo sviluppando la tecnologia di base. Una volta approvata, la Nasa o una società commerciale passerebbe al passo successivo».

Con ogni lancio e ogni satellite dismesso, l’orbita terrestre bassa rischia di trasformarsi in un mare di detriti spaziali.  I dati aggiornati all’inizio del 2019 parlano di oltre 8400 tonnellate di detriti in orbita attorno al nostro pianeta, un numero destinato a crescere con l’aumentare del traffico spaziale. Una questione su cui anche la Nasa sta lavorando. Nel 2022 l’agenzia americana lancerà un satellite in grado di rifornire carburante in orbita terrestre bassa. Il progetto, chiamato Restore-L, farà da apripista alle nuove tecnologie satellitari di riparazione automatizzata.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Robotica.

Circa l'autore

L’editoriale

Tutti i numeri di Global Science 

di Francesco Rea

97.000 utenti unici mensili. questo è il dato che Global Science ha registrato a partire dal mese di agosto confermato a settembre e che sembra essere il trend per quanto riguarda il nostro giornale online… Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST

ADV