Site icon Global Science

‘Rughe’ precoci per Bennu

L’esposizione ai raggi solari comporta rischi non solo per la pelle degli esseri umani, ma in un certo senso anche per ‘quella’ degli asteroidi: ne è la prova la superficie di Bennu, il piccolo corpo celeste al centro della missione Osiris-Rex della Nasa, che è attraversata da profonde incrinature.

A produrre questa sorta di invecchiamento – in tempi anche piuttosto brevi, da un punto di vista geologico – è stato appunto il Sole: lo afferma un recente studio di Nature Geoscience (articolo: “Alignment of fractures on Bennu’s boulders indicative of rapid asteroid surface evolution”), basato sia sulle immagini realizzate da Osiris-Rex, sia su modelli informatici; all’indagine hanno preso parte anche due ricercatori italiani, Marco Delbo (primo autore) dell’Osservatorio della Costa Azzurra e Maurizio Pajola dell’Istituto Nazionale di Astrofisica-Osservatorio di Padova.

L’indagine ha evidenziato che il calore del Sole è in grado di fratturare le rocce di Bennu in un arco di tempo compreso tra 10mila e 100mila anni: un periodo piuttosto breve, in confronto al ritmo graduale con cui cambiamenti geologici analoghi avvengono sulla Terra. Il Sole, infatti, spunta ogni 4,3 ore sull’asteroide che quindi è soggetto ad un intenso stress termico: le sue temperature oscillano tra 127°C e -23°C. Le fratture della superficie di Bennu sono state individuate sin dalle prime immagini prodotte da Osiris-Rex; gli studiosi, che hanno misurato oltre 1500 crepe, hanno notato che esse sembrano puntare quasi tutte verso la stessa direzione (nordovest-sudest), un dato indicativo dell’azione dello stress termico in questo processo erosivo.

Inoltre, i solchi di Bennu sono piuttosto simili a quelli di origine termica presenti sulla Terra e su Marte ma si trovano in un contesto più ‘esotico’ (bassa gravità e zero atmosfera), anche in confronto all’ambiente del Pianeta Rosso.

I dati emersi dallo studio, secondo gli autori, potranno essere utili per valutare la durata dei processi erosivi che – sugli asteroidi come Bennu – portano allo sgretolamento delle rocce in frammenti più piccoli che possono essere espulsi nello spazio oppure rimanere a gravitare sulla superficie di questi piccoli corpi celesti.

Osiris-Rex, che il 20 ottobre 2020 ha prelevato dei campioni rocciosi dalla superficie di Bennu, ha cominciato a dirigersi verso la Terra il 10 maggio 2021; l’arrivo della capsula Sample Return, contenente il prezioso materiale, è previsto per il 24 settembre 2023 nel deserto occidentale dello Utah, dove si trova la base Utah Test and Training Range.

In alto: le ‘rughe’ di Bennu viste dalla fotocamera PolyCam di Osiris-Rex (Crediti: Nasa/Goddard/Università dell’Arizona) 

Exit mobile version