Select Page

La NASA desecreta i dialoghi lunari di Armstrong

La NASA desecreta i dialoghi lunari di Armstrong

Il prossimo anno si celebrano i 50 anni dal primo passo sulla Luna e la NASA ha deciso di rendere pubbliche le oltre 19000 ore di registrazione audio di quella che fu una grande impresa

Redazione29 agosto 2018


Era il 20 luglio 1969 quando Neil Armstrong per primo toccò la superficie rocciosa della Luna. “Un piccolo passo per l’uomo” disse l’astronauta. “Un salto gigantesco per l’umanità” aggiunse, e il messaggio, che viaggiò dalla Luna fino al centro di controllo di Houston, è rimasto uno dei più famosi di tutti i tempi. Ma è solo la punta di un iceberg. Ora infatti la Nasa e l’Università del Texas a Dallas hanno diffuso ben 19.000 ore di registrazioni, che erano state dimenticate, tra Houston e l’equipaggio della missione storica dell’Apollo 11. E se nulla può superare l’impatto emotivo della frase di Armstrong, la grande quantità di audio offre la possibilità di un incredibile viaggio nello spazio e nel tempo.

Muovendosi tra le registrazioni audio, la storia che emerge riguarda meno gli astronauti e molto di più “gli eroi alle spalle degli eroi”, cioè il lavoro di gruppo, la collaborazione e lo spirito cameratesco di tutto lo staff a terra. Con mezzi che oggi fanno sorridere. La sala controllo principale della missione, al Johnson Space Center, aveva solo 20 computer, ciascuno meno potente di uno smartphone di oggi. Non tutto andò alla perfezione. Poco prima che il mitico Lem, il modulo di atterraggio, toccasse la superficie lunare, Armstrong avvertì di un “Program alarm”. “E’ un 1202” aggiunse: i computer erano stressati dai troppi compiti. Buzz Aldrin, il secondo uomo che mise piede sulla Luna, confermò. Attimi di silenzio, l’equipaggio atterrò aspettando l’ok da Houston che tutto era tornato a posto.

Non tutte le conversazioni sono così drammatiche: ci ssono audio del centro di controllo che leggono agli astronauti le notizie dalla Terra. A un certo punto si parla di una competizione tra chi riesce a mangiare più porridge, i fiocchi d’avena della colazione americana. “Vedrei bene Aldrin nella gara – dice Michael Collins, il terzo astronauta della missione, quello che non scese sulla Luna -. Qui è alla 19/a ciotola!”.

Autore

EDITORIALE

di Francesco Rea

Il giornale on line dell’ASI si mette in modalità estiva. Non cambia nulla, se non il video del giorno che riproporremo con i video più significativi fin qui pubblicati. Non mancheranno i video, a partire dalla web series di Beyond, ma rallenteremo il ritmo

Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST