Select Page

Ultima Thule, il nuovo scatto

Ultima Thule, il nuovo scatto

L’oggetto più lontano mai esplorato dall’essere umano torna a mettersi in mostra. Ultima Thule, il corpo celeste appartenente alla misteriosa Fascia di Kuiper e osservato dalla sonda New Horizons l’1 gennaio 2019, appare più nitido che mai in questa immagine diffusa ieri dalla Nasa.

A differenza del primissimo ritratto dell’affascinante oggetto, realizzato dallo strumento Lorri a bordo di New Horizons, questa foto è stata scattata dal gradangolo della Multicolor Visible Imaging Camera (Mvic), installato sempre a bordo della sonda.

Ultima Thule è stato immortalato nel momento in cui si trovava a 6.700 chilometri dalla navicella, alle 18.26 italiane del primo giorno dell’anno – solo sette minuti prima del suo incontro più ravvicinato con New Horizons.

La risoluzione iniziale di 135 metri per pixel è stata ulteriormente migliorata per mettere in luce i dettagli del corpo celeste, che se studiato da vicino potrebbe aiutarci a comprendere le origini del Sistema Solare.

 

EDITORIALE

di Francesco Rea

Il giornale on line dell’ASI si mette in modalità estiva. Non cambia nulla, se non il video del giorno che riproporremo con i video più significativi fin qui pubblicati. Non mancheranno i video, a partire dalla web series di Beyond, ma rallenteremo il ritmo

Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST