Site icon Global Science

Sole, l’intreccio che scotta

Sottilissimi fili di plasma intrecciati che bruciano a milioni di gradi. E’ questo il ritratto mai visto del Sole catturato dal telescopio High Resolution Coronal Imager, Hi-C, della Nasa. Le immagini ad alta risoluzione sono state scattate da Hi-C durante un volo sub-orbitale. Le osservazioni, analizzate dai ricercatori dell’ University of Central Lancashire e del Marshall Space Flight Centre della Nasa, sono destinate ad aumentare le conoscenze sulla composizione dell’atmosfera solare. I risultati della ricerca sono stati ‎pubblicati ‎‎sull’Astrophysical Journal‎‎.

Gli ultimi scatti di Hi-C rivelano nitidamente filamenti percorsi al loro interno da gas caldi elettrificati che raggiungono i 500 chilometri. «L’eccezionale qualità dei dati forniti dal telescopio Hi-C ci permette di ispezionare per la prima volta una zona del Sole in altissima definizione» ha spiegato Robert Walsh, professore di fisica solare all’ University of Central Lancashire e responsabile del team Hi-C. ‎Resta misterioso il processo fisico di formazione di questi filamenti e gli studi si concentreranno, adesso, su come queste strutture incidono sui brillamenti solari e sulle tempeste solari, fenomeni che potrebbero influenzare la vita sulla Terra.‎

‎Nel prossimo futuro, il team di ricercatori ha intenzione di lanciare nuovamente la missione Hi-C, questa volta sovrapponendo le osservazioni del telescopio con quelle ricavate dalle due missioni che puntano al Sole, Parker Solar Probe della Nasa e Solar Orbiter dell’Esa.‎ «Questa flotta di strumenti spaziali rivelerà lo strato esterno dinamico del Sole in una luce completamente nuova»‎ ha dichiarato Amy Winebarger della Nasa, sottolineando l’importanza di comprendere il comportamento dei flussi di energia che attraversano gli strati della nostra stella vitale fino a raggiungere la Terra stessa.

Exit mobile version