Site icon Global Science

New Frontiers, la competizione entra nel vivo

New Frontiers, la competizione entra nel vivo

Il Sistema Solare (Credits: Nasa)

Una missione ideata per portare sulla Terra campioni da una cometa e un’altra concepita per studiare a fondo il più grande satellite naturale di Saturno: sono questi i due concept che la Nasa ha selezionato per la realizzazione di una missione di esplorazione planetaria nell’ambito del programma New Frontiers. Le due finaliste sono state scelte tra una rosa di 12 proposte presentate lo scorso mese di aprile a seguito di un announcement of opportunity imperniato su sei tematiche di ricerca: analisi di campioni cometari, analisi di campioni lunari dal bacino polo sud-Aitken, mondi oceanici (Titano ed Encelado), Saturno, esplorazione degli asteroidi troiani e raccolta di loro campioni ed esplorazione in situ di Venere. Caesar e Dragonfly sono i nomi delle due proposte, centrate, rispettivamente, sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e su Titano, luna di Saturno; nel 2018 riceveranno dall’ente spaziale americano il supporto necessario per continuare le fasi di sviluppo. Solo una esse, però, spiccherà il volo verso lo spazio e la decisione in merito sarà assunta nel 2019, mente il lancio è previsto per il 2025.

Nello specifico, Caesar (Comet Astrobiology Exploration Sample Return) dovrebbe raggiungere 67P, la cometa studiata con successo dalla missione Rosetta dell’Esa, e riportare sulla Terra dei campioni per poterne approfondire l’origine e la storia. Dragonfly, invece, prevede l’invio su Titano di un lander realizzato come un doppio quadrirotore, in modo che possa sorvolare differenti siti del corpo celeste e studiarne il quadro atmosferico e chimico, la situazione delle superfici e verificare eventuali condizioni favorevoli per l’abitabilità. La missione che alla fine del processo selettivo verrà scelta tra Caesar e Dragonfly diventerà la quarta del programma New Frontiers; le tre missioni precedenti, tutte attive, sono New HorizonsJuno e Osiris-Rex. La Nasa, inoltre, ha selezionato altri due conceptcui verranno assegnati i fondi per svilupparne l’aspetto tecnologico, in modo che possano poi partecipare a future competizioni progettuali. Le due proposte in questione sono Elsah e Vici: la prima riguarda Encelado, altra nota luna di Saturno, mentre la seconda è focalizzata su Venere.

Elsah (Enceladus Life Signatures And Habitability) riceverà un finanziamento per sviluppare sia accorgimenti tecnici che limitino gli effetti di contaminazione della superficie della luna da parte della sonda, sia strumenti per la rilevazione di eventuali tracce di vita. I fondi che saranno attribuiti a Vici (Venus In situ Composition Investigations), invece, serviranno per sviluppare ulteriormente lo strumento Venus Element and Mineralogy Camera, che dovrebbe resistere alle condizioni estreme di Venere. Il programma New Frontiers, gestito dal Planetary Missions Program Office presso il Centro Marshall della Nasa, ha lo scopo di indirizzare gli obiettivi dell’ente spaziale Usa nel settore delle scienze planetarie, secondo le indicazioni dei piani strategici e scientifici varati nel 2014.

Exit mobile version