Site icon Global Science

Brandelli di una supernova ai margini della Via Lattea

Mentre Hubble volgeva il suo sguardo verso la Costellazione della Mensa, visibile nell’emisfero australe, suoi strumenti hanno fotografato i resti di una supernova. La Costellazione, che prende il suo nome da una singolare montagna africana, alta oltre mille metri e piatta come una tavola, si trova all’interno della Grande Nube di Magellano, a soli 160mila anni luce dalla Terra.

L’oggetto inquadrato è stato identificato con il nome Dem L 249, ma anche Snr J053605-703826, Cal 61 e Rx J0536.1-7039. La sua origine è ricondotta all’esplosione di una nana bianca che, a giudicare dall’enorme quantità di materia rilevata, gli astronomi stimano potesse far parte di un sistema binario.

I ricercatori di Hubble ritengono che la Grande Nube di Magellano sia “un laboratorio naturale ideale” per studiare la nascita, la vita e la morte delle stelle. Decisive sono la posizione e la consistenza: vicina, orientata verso la Terra e con poca polvere interstellare che assorbe la luce.

L’immagine di Dem L 249 è il frutto di diverse esposizioni acquisite dal Wide Field Camera 3 di Hubble.

 

Crediti immagine: Nasa, Esa – Hubble / Y. Chu

Exit mobile version