Site icon Global Science

Starliner resta a terra

The Boeing CST-100 Starliner spacecraft is guided into position above a United Launch Alliance Atlas V rocket at the Vertical Integration Facility at Space Launch Complex 41 at Florida’s Cape Canaveral Air Force Station on Nov. 21, 2019. Starliner will be secured atop the rocket for Boeing’s Orbital Flight Test to the International Space Station for NASA’s Commercial Crew Program. The spacecraft rolled out from Boeing’s Commercial Crew and Cargo Processing Facility at NASA’s Kennedy Space Center earlier in the day.

Resta accidentato il percorso della navicella Starliner della Boeing per affiancare la navetta Dragon per gli equipaggi umani. Dopo lo stop per un malfunzionamento nell’ultimo test, il ritorno al volo sembra slittare al 2022. È quanto riporta Space.Com citando fonti Nasa.

La Boeing aveva annunciato il test di volo inizialmente entro luglio, poi era stato necessario un primo rinvio al 3 agosto, senza però esito perché il tentativo di lancio è stato cancellato dopo aver scoperto problemi con 13 valvole nel sistema di propulsione della navicella. Problemi non risolti che hanno portato al rinvio sine die del test di volo.

Nonostante il tempo trascorso, gli ingegneri non hanno ancora risolto il problema alle valvole della Starliner. Questo ritardo, combinato con un fitto programma di lancio nelle prossime settimane e mesi, potrebbe posticipare il test OFT-2 al 2022, secondo quanto affermato da funzionari della Nasa e riportato da Space.Com.

I team di Boeing e Nasa starebbero attualmente valutando se mettere un diverso modulo di servizio su Starliner per la missione OFT-2 o procedere con il tentativo di riparare quello attuale. Una decisione in merito potrebbe arrivare nelle prossime settimane.

Boeing ha sviluppato Starliner con l’aiuto del finanziamento del Commercial Crew Program della Nasa, che ha selezionato il gigante aerospaziale e SpaceX per far volare gli astronauti dell’agenzia da e verso il laboratorio orbitante. SpaceX ha già lanciato due missioni operative con equipaggio sulla ISS con la sua capsula Crew Dragon e si sta preparando a lanciarne un’altra il mese prossimo. Ma Starliner deve ancora compiere la missione di test senza equipaggio per la Stazione spaziale internazionale prima di poter trasportare entrare ufficialmente in servizio per gli astronauti.

Starliner e OFT-2 sono stati gli argomenti primari della conferenza stampa di martedì in cui la Nasa ha annunciato una riorganizzazione del settore volo umano che sarà suddiviso in due nuove direzioni. Da una parte la direzione delle operazioni spaziali della missione, dall’altro la direzione di sviluppo dei sistemi di esplorazione della missione.

Exit mobile version