Site icon Global Science

Un termometro spaziale

The SpaceX Falcon 9 rocket

Un cubesat della Nasa misurerà la temperatura della Terra direttamente dallo spazio. Stiamo parlando di Ciris (Compact Infrared Radiometer in Space instrument on a CubeSat) un micro satellite partito lo scorso 5 dicembre a bordo della capsula di rifornimento Dragon di SpaceX. Ciris è stato trasportato a bordo della Stazione Spaziale, dove rimarrà fino all’arrivo del cargo Cygnus che lo porterà circa 100 chilometri più in alto per posizionarlo nell’orbita definitiva.

Il cubesat, delle dimensioni di uno zaino, mira a raccogliere, elaborare e calibrare le immagini a infrarossi per rilevare la temperatura del nostro pianeta. Una volta processati, i dati potrebbero semplificare le attività quotidiane dell’uomo in molti settori, dalla tutela del patrimonio ambientale all’agricoltura.

Cirs misurerà la temperatura del pianeta attraverso una serie di strumenti miniaturizzati. Una volta collezionate, le immagini a onde infrarosse che indicano le regioni calde e fredde su di una mappa termica, verranno calibrate in orbita. La calibrazione permetterà di individuare le aree del pianeta che necessitano di particolare monitoraggio o di interventi.

Le misurazioni ad infrarossi possono aiutare gli scienziati a comprendere meglio fenomeni come l’evapotraspirazione, che comprende l’acqua evaporata dal suolo più quella rilasciata dalle foglie delle piante durante la respirazione la traspirazione. L’evapotraspirazione aiuta il raffreddamento delle piante e in questo caso la misurazione della temperatura è un fattore chiave per misurare il consumo d’acqua delle stesse . Gli agricoltori potranno servirsi di queste informazioni per determinare quali coltivazioni hanno bisogno di più acqua.

Se tutto andrà come previsto, la Nasa potrebbe sviluppare una missione da affiancare a Ciris in grado di realizzare immagini nella parte visibile dello spettro per determinare i colori delle piante: la luce visibile infatti, può rivelare la quantità di illuminazione solare ricevuta dalle piante e il loro stato di salute.

La Nasa crede molto nel progetto e ha deciso di finanziare un altro cubesat,  L-Ciris, che avrà come obiettivo l’identificazione dei diversi minerali presenti sul suolo lunare, con strumenti simili a quelli del suo gemello. L-Ciris sarà costruito dalla Ball Aerospace ed è stato selezionato come payload della missione Artemis che prevede l’invio di un uomo e di una donna sulla superficie lunare entro il 2024.

Il cubesat Ciris

Exit mobile version