Site icon Global Science

Verso l’asteroide Bennu: una ‘fionda’ per Osiris-Rex

Verso l’asteroide Bennu: una ‘fionda’ per Osiris-Rex

Elaborazione artistica di Osis-Rex nel flyby terrestre

Venerdì scorso il nostro pianeta si è comportato come una specie di fionda. A beneficiare della sua spinta è stata la sonda Nasa Osiris-Rex, che alle 18,52 italiane del 22 settembre ha effettuato con successo un flyby della Terra a una velocità di 3.778 chilometri al secondo.

Dopo aver sorvolato l’Antartide a circa 17.000 chilometri di quota, la sonda ha cambiato traiettoria grazie appunto alla gravità terrestre. Si è messa così sulla rotta giusta per la sua meta: l’asteroide Bennu, il cui raggiungimento è previsto per la fine del 2018. Una volta conquistato l’obiettivo, Osiris-Rex preleverà dalla superficie dell’asteroide un campione di materiale, che verrà riportato sul nostro pianeta nel 2023.

“L’incontro con la Terra – ha commentato Rich Burns, project manager di Osiris-Rex al Goddard Space Flight Center della Nasa – è stato una tappa fondamentale per il rendezvous con Bennu. Sfruttare la gravità terrestre ha infatti permesso alla sonda di risparmiare molto combustibile, effettuando un cambiamento importante nella sua traiettoria.”

La sonda, lanciata l’8 settembre 2016 da Cape Canaveral a bordo del razzo Atlas V 411, ha già sfruttato altre volte il principio della fionda gravitazionale. La manovra più importante è avvenuta il 28 dicembre 2016, quando la sonda ha cambiato velocità e percorso per orientarsi proprio verso la Terra.

Il flyby terrestre del 22 settembre scorso è stato preparato anche grazie al potente ‘occhio’ del Large Binocular Telescope, che ha osservato e monitorato la sonda mentre si avvicinava al nostro pianeta.

Exit mobile version