Site icon Global Science

45P, cometa insolita

45P, cometa insolita

La cometa 45P (Credits: Gerald Rhemann)

E’ sfrecciata oltre la Terra all’inizio del 2017, subito dopo il suo avvicinamento alSole, ma fortunatamente gli astronomi hanno potuto tenerla sotto controllo per un paio di giorni, ricavando preziose informazioni sulla sua natura. La ‘velocista’ in questione è la cometa 45P, osservata con il telescopio Irtf (InfraRed Telescope Facility) della Nasa e protagonista di uno studio coordinato dal Goddard Space Flight Center dell’ente spaziale statunitense. La ricerca, che ha messo in luce unquadro chimico particolare per quanto riguarda i gas, è stata illustrata nell’articolo“Hypervolatiles in a Jupiter-family Comet: Observations of 45P/Honda–Mrkos–Pajdušáková Using iShell at the Nasa-Irtf”, pubblicato ieri su The Astronomical Journal.

La cometa, che ufficialmente è classificata come 45P/Honda-Mrkos-Pajdušáková, è stata osservabile ai primi dello scorso gennaio. In questo rapido passaggio, il team della ricerca ha potuto effettuare misurazioni relative all’acqua e ai livelli di nove gasrilasciati dal nucleo ghiacciato di 45P, rilevando delle peculiarità che rendono arduo mantenerla nella famiglia delle comete gioviane (Jfc – Jupiter Family Comets); gli astronomi si sono soffermati soprattutto sul monossido di carbonio e sul metano, due gas difficilmente reperibili nel gruppo delle Jfc. Per analizzare al meglio la composizione chimica di 45P è stato utilizzato lo strumento iShell, uno spettrografoinnovativo in dotazione al telescopio Irtf, che ha permesso di individuare nell’infrarosso le ‘impronte’ delle varie sostanze, tra cui, appunto, il metano e il monossido di carbonio. Gli studiosi, inoltre, hanno messo a confronto i dati dei livelli dei due gas: quelli relativi al versante illuminato della cometa e quelli del suo lato in ombra. La comparazione ha evidenziato che la quota di monossido di carbonio è molto bassa, al punto che tale gas può essere considerato in via di esaurimento; il metano, invece, si presenta in notevole quantità e questo particolare ha destato molta curiosità negli esperti.

I due gas, infatti, tendono a disperdersi nello spazio con facilità quando le comete sono riscaldate dal Sole; di conseguenza, il fatto che 45P sia povera di monossido di carbonio e ricca di metano è piuttosto raro. Forse il metano potrebbe essere rimasto ‘intrappolato’ nel ghiaccio, ma gli astronomi ritengono che il monossido di carbonio possa aver reagito con l’idrogeno ed aver dato luogo al metanolo, di cui è stata trovata evidenza sulla cometa. Gli studiosi, però, sono ancora incerti su quando sia avvenuta questa reazione chimica, se, ad esempio, si sia verificata ai primordi della storia di 45P oppure durante il suo peregrinare cosmico. I risultati della ricerca, che evidenziano l’importanza dello studio delle comete per saperne di più sugli albori del Sistema Solare, saranno utilizzati come base per analizzare altre 5 cometesimili a 45P che saranno osservabili tra la fine del 2017 e il mese di dicembre 2018.

Exit mobile version