Site icon Global Science

Cristallo lunare made in Cina

Custodito tra i preziosi di Chang’e, mitologica dea cinese della Luna, anche un cristallo. Si chiama Changesite–(Y) e la scoperta è dei ricercatori del Beijing Research Institute of Uranium Geology.

Studiando le particelle raccolte sulla Luna con la missione Chang’e 5, atterrata nei pressi di Oceanus Procellarum nel dicembre 2020 e prima missione di ritorno di campioni lunari dagli anni ’70, i ricercatori del Beijing Research Institute of Uranium Geology hanno trovato un cristallo.

Sono stati prelevati campioni per 1,73 chilogrammi, consegnati in sicurezza sulla Terra per analizzarli.

La scoperta è stata annunciata durante una conferenza stampa lo scorso 9 settembre ai media statali cinesi.

La Commissione sui nuovi minerali, la nomenclatura e la classificazione (CNMNC) dell’International Mineralogical Association (IMA) lo ha confermato come un nuovo minerale.

Con questa scoperta, la Cina si posiziona al terzo posto tra le nazioni che hanno scoperto minerali sul suolo lunare, dopo gli Stati Uniti e l’ex Unione Sovietica.

Con Chang’e 6 il tentativo sarà quello di raccogliere i primi campioni sul lato nascosto della Luna mai rivolto a Terra.

In apertura: un primo piano di un cristallo di un nuovo minerale lunare. Crediti: Beijing Research Institute of Uranium Geology.

Exit mobile version