Site icon Global Science

Mars Sample Return, Perseverance in primo piano

Novità in vista per Mars Sample Return. La Nasa ha presentato al mondo una modifica strutturale dell’ambiziosa missione, il cui avvio è previsto nel 2027, che prevede la raccolta di campioni dal suolo marziano da parte del rover Perseverance e il successivo ritorno a terra per le analisi nel 2033.

La missione era inizialmente composta da un rover per il prelievo dei campioni progettato dall’Esa e da un lander, che avrebbe dovuto trasportare il materiale al Mars Ascent Vehicle (Mav) che a sua volta avrebbe lanciato i campioni in orbita. A questo punto, l’Earth Return Orbiter dell’agenzia europea avrebbe raccolto il pacchetto per riportarlo sulla Terra. 

L’ultima modifica presentata dalla Nasa il 27 luglio scorso prevede l’eliminazione del rover dedicato alla raccolta delle provette e del suo lander. La Nasa ha infatti deciso che si affiderà a Perseverance per il trasporto di campioni al Mav. Successivamente, il braccio robotico, fornito dall’Esa e costruito in Italia da Leonardo, trasferirà i campioni da Perseverance al Mav.

A fare da spalla a Perseverance ci saranno due piccoli elicotteri simili a Ingenuity, ciascuno dotato di bracci robotici per afferrare le provette e fornito di ruote per garantire la mobilità. La Nasa ha dichiarato che la scelta di Perseverance è dovuta principalmente alle ottime prestazioni ottenute dal rover e da Ingenuity. La modifica, che conclude la fase A della missione, abbatterà i costi di realizzazione che erano fissati inizialmente a 7 miliardi di dollari. 

 

Exit mobile version