Site icon Global Science

Il primo scatto del Webb

È un’immagine spettacolare, che offre uno sguardo senza precedenti sul cosmo primordiale. Si tratta dell’ammasso di galassie SMACS 0723, protagonista della prima, attesissima immagine a colori dell’universo scattata dal James Webb Space Telescope.

A presentarla, il 12 luglio poco dopo la mezzanotte italiana, è stato il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, durante un evento alla Casa Bianca trasmesso in streaming dalla Nasa.

Presenti anche la vice di Biden Kamala Harris e l’Amministratore della Nasa Bill Nelson, che ha dato un assaggio del valore scientifico di questa immagine: si tratta di una fetta di universo che copre una porzione di cielo corrispondente a circa un granello di sabbia tenuto nel campo visivo di una persona qui sul nostro pianeta.

Lo scatto, effettuato dalla telecamera NIRCam installata a bordo del Webb, raccoglie immagini a diverse lunghezze d’onda, per un totale di 12 ore e mezza di osservazione. L’ammasso agisce come una lente gravitazionale, ingrandendo galassie molto più distanti alle sue spalle.

Ed è proprio questa la rivoluzione scientifica portata dal Webb: riuscire a immortalare alcuni tra gli oggetti più flebili mai osservati prima nell’infrarosso. Facendo così un salto indietro nel tempo, e dando uno sguardo all’universo primordiale poco dopo il Big Bang.

Ma questo primo, spettacolare scatto del Webb è solo l’inizio. Da oggi, Webb continuerà a svelarci l’universo come non l’avevamo mai visto.

 

Crediti immagine: Nasa, Esa, Csa, StscI

Exit mobile version