Site icon Global Science

Nasa, la missione Tropics ‘resta a terra’

La mattina del 12 giugno – presso lo Space Launch Complex 46 della Cape Canaveral Space Force Station – la missione Tropics (Time-Resolved Observations of Precipitation e Storm Intensity with a Constellation of Smallsats) della Nasa non è riuscita a prendere il via come previsto.

Il lancio è abortito a causa di un malfunzionamento al vettore Rocket 3.3 della Astra avvenuto pochi istanti dopo il decollo; dalle prime indagini è emerso che si sarebbe prematuramente spento il motore dello stadio superiore del razzo.

Si trattava del primo lancio – dei tre in programma – per l’immissione di due cube-sat della Nasa destinati alla realizzazione di Tropics; questo programma prevede una costellazione composta da sei satelliti di piccole dimensioni – ciascuno equipaggiato con radiometri a microonde – che saranno impiegati principalmente per lo studio e il monitoraggio delle tempeste tropicali.

Non è la prima volta che si verifica un’eventualità del genere con un vettore Astra; un episodio simile era già avvenuto il 10 febbraio scorso, sempre con un lancio per la Nasa.

L’ente spaziale americano, nel febbraio 2021, aveva stipulato con Astra un contratto dal valore di 7,95 milioni di dollari.

In alto: Il decollo fallito del vettore Rocket 3.3 di Astra 
Crediti immagine: Nasa Spaceflight Llc/Astra Space Inc.

Exit mobile version