Site icon Global Science

Banchetto luculliano con sorpresa nei pressi della Via Lattea

Sempre meno oscura e sempre più convitato di pietra. Stiamo parlando della materia oscura e delle informazioni sulla sua natura, individuate da un team di astronomi che ha osservato la mappa di 12 flussi stellari nell’alone della Via Lattea.

Una combinazione di osservazioni fatte con l’  Anglo-Australian Telescope (Aat), un  telescopio ottico di 4 metri posizionato in Australia,  e la missione spaziale europea Gaia , che ha fornito  agli scienziati misurazioni accurate delle posizioni e dei movimenti delle stelle, essenziali per identificare i membri dei flussi stellari.

Il professor Ting Li dell’Università di Toronto, autore principale dello studio, insieme al suo team internazionale di collaboratori hanno avviato un programma dedicato – il Southern Stellar Stream Spectroscopic Survey (S5) –  per misurare le proprietà dei flussi stellari. I resti frantumati di piccole galassie e ammassi stellari   che vengono fatti a pezzi dalla nostra Via Lattea fino a diventarne parte integrante.

Utilizzando lo spostamento della luce Doppler – la stessa proprietà utilizzata dai cannoni radar per catturare i guidatori in corsa – hanno scoperto quanto velocemente si muovono le singole stelle e i flussi stellari.

La comprensione dei  flussi stellari rivela la materia oscura che tiene le stelle nelle loro orbite e mette a nudo anche la storia della formazione della Via Lattea che, nel corso di miliardi di anni, è cresciuta costantemente distruggendo e consumando sistemi stellari più piccoli.

«A differenza di studi precedenti che si sono concentrati su un flusso alla volta, S5 è dedicato alla misurazione del maggior numero possibile di flussi, cosa che possiamo fare in modo molto efficiente con le capacità uniche dell’Aat – commenta il coautore, il professor Daniel Zucker della Macquarie University.

Le proprietà dei flussi stellari rivelano la presenza della materia oscura invisibile e presente nella Via Lattea. «Immagina un albero di Natale. In una notte buia, vediamo le luci di Natale, ma non l’albero su cui sono avvolte. Ma la forma delle luci rivela la forma dell’albero. Lo stesso avviene con i flussi stellari: le loro orbite rivelano la materia oscura –  ha detto uno dei coautori, il professor Geraint F. Lewis dell’Università di Sydney.

Il programma S5 consente un’istantanea delle abitudini alimentari della Via Lattea, ad esempio quali tipi di sistemi stellari più piccoli “mangia” e laddove viene osservata un’interruzione dell’attrazione gravitazionale è avvenuto un pasto luculliano.

I dati interessanti per il team sono la misurazione delle velocità dei flussi e la composizione chimica delle stelle, che ci racconta dove sono nate: «I flussi stellari possono provenire dall’interruzione delle galassie o dagli ammassi stellari. Questi due tipi di flussi forniscono informazioni diverse sulla natura della materia oscura – afferma il professor Alex Ji dell’Università di Chicago, firmatario dello studio.

Lo studio è stato pubblicato su The Astrophysical Journal dell’American Astronomical Society.

In apertura: una rappresentazione artistica della nostra Via Lattea circondata da dozzine di flussi stellari. Questi flussi erano le galassie satelliti compagni o gli ammassi globulari che ora vengono fatti a pezzi dalla gravità della nostra Galassia. Credito: James Josephides e collaborazione S5.

Exit mobile version