Site icon Global Science

Himalaya, ghiacciai in picchiata

Ospita una vasta coltre glaciale che, considerata una volta il ‘Terzo Polo’ della Terra, ora fa notizia perché pesantemente minacciata dal cambiamento climatico: si tratta della copertura glaciale dell’Himalaya, il sistema montuoso dell’Asia Centrale che vede intaccato il suo ‘patrimonio bianco’ con gravi conseguenze per l’uomo e gli ecosistemi.

La catena, da tempo monitorata dallo spazio, è al centro di uno studio appena pubblicato su Scientific Reports (articolo: “Accelerated mass loss of Himalayan glaciers since the Little Ice Age”); l’indagine è stata coordinata dall’Università di Leeds e si basa sia su dati e immagini satellitari, sia su modelli digitali di elevazione (Dem – Digital Elevation Model).

L’accelerazione nel tasso di scioglimento è fenomeno di particolare gravità perché mette a repentaglio le riserve di acqua potabile e di energia idroelettrica per una vasta fetta della popolazione asiatica. Gli autori del saggio hanno riscontrato che negli ultimi decenni i ghiacciai himalayani hanno perduto il loro prezioso patrimonio dieci volte più rapidamente rispetto alla media dal periodo noto come ‘Piccola Era Glaciale’ (Peg, tra il XIV e il XIX secolo), in cui si verificò l’ultima grande espansione delle coltri gelate.

Grazie alle immagini da satellite e ai modelli, il gruppo di lavoro ha prodotto una ricostruzione delle superfici e delle dimensioni di oltre 14mila ghiacciai himalayani durante la Peg: in quell’epoca, le distese di ghiaccio avevano raggiunto un’estensione di 28mila chilometri quadrati, oggi ridotta a circa 19.600 (con una diminuzione del 40%). L’analisi delle immagini satellitari, inoltre, ha messo in rilievo i crinali che segnano le linee di confine degli antichi ghiacciai: queste dorsali sono state utilizzate per ricostruirne l’estensione e lo spessore. La comparazione tra i modelli e l’attuale situazione ha permesso di calcolare i volumi delle perdite.

L’ammontare del ghiaccio perduto è purtroppo piuttosto elevato: i valori oscillano tra 390 e 586 chilometri cubici, una massa che equivale a quella complessiva del ghiaccio presente oggi nelle Alpi Centrali, nel Caucaso e nella Scandinavia. Una perdita del genere, sottolineano gli studiosi, si è fatta sentire sul livello del mare, interessato da un innalzamento compreso tra 0,92 e 1,38 millimetri. L’analisi ha consentito anche di determinare quali siano le aree glaciali maggiormente danneggiate: esse si trovano nelle zone orientali dell’Himalaya e il fenomeno, probabilmente, è dovuto a differenze nelle strutture geologiche dei versanti che interagiscono in maniera diversa con l’atmosfera.

Inoltre, i laghi situati al termine delle lingue glaciali costituiscono un elemento di minaccia perché incidono sul riscaldamento della zona; il fenomeno ha prodotto un aumento del numero e delle dimensioni di tali specchi d’acqua. Altrettanto pericolosa è la presenza di detriti sulla superficie glaciale: questi materiali, assorbendo una maggiore quantità di energia solare, possono accelerare i meccanismi di scioglimento. Gli effetti di questi cambiamenti si stanno facendo già sentire nelle regioni a ridosso dell’Himalaya e il nuovo studio, secondo gli autori, costituisce una conferma di tali pericolosi processi ai quali le comunità devono dare una risposta urgente e fattiva.

In alto: la lingua glaciale del ghiacciaio Khumbu (Crediti: Duncan Quincey, Università di Leeds) 

Exit mobile version