Site icon Global Science

Estrarre acqua dalla regolite, la Nasa sceglie i vincitori

Il programma Artemis della NASA che prevede il ritorno dell’uomo sulla Luna, ma soprattutto la realizzazione di una possibile base umana permanente, non può prescindere dalla necessità di poter sfruttare le risorse naturali messe a disposizione dal nostro satellite naturale, a cominciare dall’acqua imprigionata nella regolite.

Per questo lo scorso novembre la NASA ha lanciato il Break the Ice Lunar Challenge con un montepremi di 500.000 dollari, al fine di incentivare nuovi approcci per lo scavo delle risorse di cui gli astronauti avranno bisogno durante le missioni di lunga durata sulla Luna. L’acqua, una delle risorse più importanti, come detto è intrappolata nella gelida regolite ai poli della Luna, all’interno di crateri permanentemente bui e freddi.

«Espandere il pool di idee per lo scavo delle risorse lunari in modo sicuro e responsabile richiede lo sviluppo di nuove tecnologie», ha affermato Monsi Roman, responsabile del programma Centennial Challenges presso il Marshall Space Flight Center della NASA. «Le idee che saranno sviluppate frutto di questa sfida, consentiranno operazioni sostenibili sulla superficie lunare, aprendoci la strada per convertire il ghiaccio lunare in risorsa vitale e riducendo le esigenze di approvvigionamento dalla Terra».

La Redwire Space, con sede a Jacksonville, in Florida, ha vinto il primo posto e $ 125.000 per il suo sistema a due rover proposto per semplicità e robustezza. Il Lunar Regolith Excavator (L-Rex) dell’azienda scaverebbe grandi quantità di regolite ghiacciata. Un versatile rover da trasporto a bassa massa chiamato Lunar Transporter (L-Tran) sarebbe responsabile dell’installazione dell’escavatore e della consegna di regolite e ghiaccio.

La Colorado School of Mines a Golden ha vinto il secondo posto e $ 75.000 per il suo proposto Lunar Ice Digging System, o LIDS. Il progetto LIDS includerebbero tre rover: escavatore, trasportatore di regolite e trasportatore d’acqua, oltre a un sistema di comunicazione e navigazione. Entrambi i trasportatori avrebbero bracci robotici per l’assemblaggio, la manutenzione e le riparazioni. E tutti e tre i veicoli sarebbero teleoperati da un vicino habitat sulla superficie lunare.

Austere Engineering di Littleton, Colorado, ha vinto il terzo posto e $ 50.000 per il suo sistema di classificazione e rotazione per l’acqua situato nel sistema Excavated Regolith (GROWLER). Il sistema ha una massa stimata di circa 12 tonnellate, leggermente più pesante di uno scuolabus. Il GROWLER dovrebbe prima stabilire un sistema di posizionamento locale e mappare le rocce superficiali e sotterranee che ostacolano lo scavo. Il GROWLER scaverebbe quindi la regolite ghiacciata con una motozappa prima di estrarre e fornire acqua.

La NASA ha poi selezionato altri 10 team che hanno presentato idee valide e innovative. Ciascuno di questi riceverà $ 25.000.

La Fase 1 ha sfidato i team a progettare un’architettura di sistema per raccogliere e spostare grandi quantità di regolite ghiacciata e acqua da una regione permanentemente in ombra vicino al Polo Sud della Luna. I team hanno avuto sette mesi per registrarsi e presentare un’architettura dettagliata del sistema, un piano di scavo e un’animazione del sistema in funzione. Trentuno team, tra cui università, industria e inventori indipendenti di 17 stati degli Stati Uniti, Canada, Australia e Sri Lanka, hanno presentato proposte idonee.

La NASA ha poi convocato un gruppo di esperti per valutare e assegnare un punteggio a ciascuna squadra in base alle prestazioni potenziali della loro soluzione in condizioni estreme per determinare i vincitori. Gli obiettivi prestazionali specifici includevano la massima erogazione di acqua, il minimo consumo di energia e l’attrezzatura di massa più bassa.

Una futura fase 2 della sfida potrebbe concentrarsi sullo sviluppo e la dimostrazione dell’hardware.

Exit mobile version