Site icon Global Science

La possibile estinzione del ghiaccio estivo

In un Artico in rapida evoluzione, un’area potrebbe fungere da rifugio, un luogo che potrebbe continuare a ospitare specie dipendenti dal ghiaccio quando le condizioni nelle aree vicine diventeranno inospitali. Questa regione a nord della Groenlandia e delle isole dell’arcipelago artico canadese è stata definita l’ultima area di ghiaccio. Ma la ricerca condotta dall’Università di Washington suggerisce che parti di quest’area stiano già mostrando un calo del ghiaccio marino estivo.

Lo scorso agosto, il ghiaccio marino a nord della Groenlandia ha mostrato la sua vulnerabilità agli effetti a lungo termine dei cambiamenti climatici, secondo uno studio pubblicato il 1 Luglio sulla rivista Communications Earth & Environment.

«Il pensiero attuale è che quest’area potrebbe essere l’ultimo rifugio per le specie dipendenti dal ghiaccio. Quindi, se, come mostra il nostro studio, potrebbe essere più vulnerabile ai cambiamenti climatici di quanto le persone abbiano supposto, è un fattore importante», ha affermato l’autore principale Axel Schweiger, uno scienziato polare presso l’UW Applied Physics Laboratory.

«Ci si aspettava da tempo che quest’area fosse il rifugio principale per le specie dipendenti dal ghiaccio perché è uno degli ultimi posti in cui prevediamo che il ghiaccio marino estivo sopravviva nell’Artico», ha affermato la coautrice Kristin Laidre, uno scienziato del Laboratorio di Fisica Applicata UW.

Lo studio si è concentrato sul ghiaccio marino nell’agosto 2020 nel mare di Wandel, un’area che era coperta tutto l’anno da uno spesso ghiaccio pluriennale.

«Il ghiaccio marino circola attraverso l’Artico, ha uno schema particolare e finisce naturalmente per accumularsi contro la Groenlandia e la costa settentrionale del Canada», ha detto Schweiger. «Nei modelli climatici, quando li fai avanzare nel prossimo secolo, quell’area ha la tendenza a far sopravvivere il ghiaccio in estate più a lungo».

Come in altre parti dell’Oceano Artico, il ghiaccio qui si è gradualmente assottigliato, sebbene il ghiaccio marino della scorsa primavera nel Mare di Wandel fosse in media leggermente più spesso rispetto agli anni precedenti. Ma le immagini satellitari hanno mostrato un minimo record di appena il 50% di concentrazione di ghiaccio marino, il 14 agosto 2020.

Il nuovo studio utilizza dati satellitari e modelli di ghiaccio marino per determinare cosa ha causato il minimo storico della scorsa estate. Si scopre che circa l’80% era dovuto a fattori legati al clima, come i venti che si dissolvono e spostano il ghiaccio. L’altro 20%, o un quinto, proveniva dall’assottigliamento a lungo termine del ghiaccio marino dovuto al riscaldamento globale.

Il modello ha simulato il periodo dal 1 giugno al 16 agosto e ha scoperto che venti insoliti spostavano il ghiaccio marino fuori dall’area, ma che anche la tendenza all’assottigliamento pluriennale ha contribuito, consentendo maggiormente alla luce solare di riscaldare l’oceano. Poi, quando i venti si sono alzati, quest’acqua calda è stata in grado di sciogliere i banchi di ghiaccio vicini.

La minima concentrazione record di ghiaccio nel 2020 è stata sorprendente perché lo spessore medio del ghiaccio all’inizio dell’estate era in realtà vicino alla normalità.

«Durante l’inverno e la primavera del 2020 c’erano chiazze di ghiaccio più vecchio e più spesso, ma c’era però abbastanza ghiaccio più sottile e nuovo che si scioglieva esponendo quello più vecchio e più spesso all’oceano», spiega Schweiger. «Questo ha iniziato un ciclo di assorbimento dell’energia termica che ha sciolto più ghiaccio, nonostante il fatto che ci fosse del ghiaccio spesso. Questo dimostra che non è sufficiente una copertura di ghiaccio più vecchio e più spesso per mantenere lo stesso livello di ghiaccio».

Secondo Schweiger i risultati sollevano preoccupazioni per l’area dell’ultimo ghiaccio, ma non possono essere immediatamente applicati all’intera regione. Resta quindi un incognita come questo calo di presenza di ghiaccio possa influire, a breve e lungo termine, sulla sopravvivenza delle specie dipendenti dal ghiaccio.

«Sappiamo molto poco dei mammiferi marini nell’area dell’ultimo ghiaccio», ha affermato Laidre, che è anche professore associato presso la School of Aquatic and Fishery Sciences. «Non abbiamo quasi dati storici o attuali, e la realtà è che ci sono molte più domande che risposte sul futuro di queste popolazioni».

Exit mobile version