Site icon Global Science

Hubble osserva il pit stop di una cometa

Un visitatore inaspettato, un corpo ghiacciato simile a una cometa chiamato centauro, si è stabilito temporaneamente vicino agli asteroidi troiani che orbitano attorno al Sole insieme a Giove.  I centauri diventano attivi per la prima volta quando vengono riscaldati, mentre si avvicinano al Sole diventando simili alle comete. L’oggetto, chiamato P / 2019 LD2, è stato scoperto nel 2019 dai telescopi Atlas e ora – grazie alle osservazioni di Hubble – gli scienziati ne hanno individuato le caratteristiche salienti. Grazie alle sue istantanee in luce visibile, Hubble ha rivelato che l’oggetto ha una chioma avvolgente formata da polveri e gas ed emette getti. In seguito, il telescopio Spitzer ha permesso di scoprire ulteriori indizi sulla sua composizione.

LD2 si sarebbe avvicinato a Giove circa due anni fa. Il pianeta ha quindi spinto – a causa della sua forte gravità – il visitatore ribelle verso la posizione coorbitale del gruppo di asteroidi troiani. Spitzer ha individuato la presenza di monossido di carbonio e anidride carbonica, che potrebbero aver contribuito alla creazione della coda e dei getti. L’oggetto probabilmente non resterà a lungo tra gli asteroidi. Il gelido visitatore è uno degli ultimi membri della cosiddetta “bucket brigade”, un insieme di comete che sono state espulse dalla fascia di Kuiper in direzione Giove. Le simulazioni al computer mostrano che avrà un altro incontro ravvicinato con il gigante gassoso, tra circa due anni. Il pianeta attirerà verso di sé la cometa che continuerà il suo viaggio verso il sistema solare interno.  Secondo i calcoli degli astronomi, tra circa circa 500 mila anni, LD2 incontrerà un altro destino: verrà espulso dal sistema solare e diventerà un oggetto interstellare.

Exit mobile version