Site icon Global Science

Su Marte, un fiume antico grande come il Po

Miliardi di anni fa, Marte era un mondo ricco di acqua. La superficie del pianeta rosso era irrigata da diversi fiumi, ed esisteva persino un vasto oceano marziano.

Analizzando a lungo le immagini ad alta risoluzione catturate dal satellite Nasa Mars Reconnaisance Orbiter (Mro), un team capitanato da un geologo italiano ha individuato un sito in cui ritiene che 3,7 miliardi di anni l’acqua potesse scorrervi in abbondanza.

L’area è situata nell’emisfero sud di Marte,  dove è presente uno dei più grandi crateri meteoritici del Sistema Solare, nei pressi del Bacino di Helleas. Al suo interno è presente un affioramento di circa 200 metri di altezza e largo un chilometro e mezzo.

È stato proprio quell’affioramento a catturare l’attenzione del team. Si tratta di un’altra evidenza di rocce sedimentarie incastrate in una falesia, simile a quanto avviene sulla Terra. Gli scienziati ritengono che l’affioramento potesse ospitare in passato un fiume di una certa dimensione, paragonabile al Po o al Reno. 

Nella parete che circonda l’area  sono visibili strutture a forma di U, la più recente delle quali risale a 3,7 miliardi di anni fa, che indicherebbero il modo in cui il corso del fiume è cambiato nel tempo. Secondo gli esperti è possibile ipotizzare che questo fiume sfociasse proprio nel Bacino di Hellas, che in passato doveva essere un grande lago.

I risultati della ricerca, pubblicati su Nature Communicationssono fondamentali per la ricerca della vita sul Pianeta Rosso.  Nel 2022,  il rover europeo Rosalind Franklin della missione ExoMars esplorerà terreni simili per determinare se la vita su Marte è mai esistita e per analizzare il suo ciclo idrologico.

 

Exit mobile version