Site icon Global Science

Pallade, l’asteroide che sembra una pallina da golf

Le sue dimensioni sono circa un settimo quelle della Luna e la sua superficie è così costellata da crateri da somigliare ad una pallina da golf. Un dettaglio, quest’ultimo, che appare nitido nelle nuove immagini rilasciate da un team di astronomi del Massachusetts Institute of Technology (Mit) che lo ritraggono: stiamo parlando dell’asteroide Pallade, il terzo oggetto più grande della Fascia Principale. Scoperto originariamente nel 1802, Pallade viaggia da secoli lungo un’orbita significativamente inclinata rispetto alla maggior parte degli oggetti situati in quell’area.

Per via della sua orbita, gli impatti sono molto forti, circa quattro volte più dannosi di quelli tra due asteroidi nella stessa orbita. Come spiega l’autore principale dello studio, Michaël Marsset, «Da queste immagini  possiamo dire che è l’oggetto più ricco di crateri che conosciamo nella cintura degli asteroidi. È come scoprire un nuovo mondo»

Le immagini dell’asteroide sono state ottenute utilizzato lo strumento Sphere del Very Large Telescope (Vlt) situato in Cile. Il team di ricerca ha utilizzato una sequenza di 11 scatti per realizzare un’immagine tridimensionale dell’oggetto.

Dallo studio è emerso che i crateri presenti su Pallade sembrano coprire almeno il 10% della sua superficie. Per ora ne sono stati identificati ben trentasei, tutti con un diametro superiore di 30 chilometri. Per scoprire  di più sulla storia dell’asteroide, il team di ricerca ha condotto una serie di simulazioni sulle possibili interazioni dell’oggetto negli ultimi quattro miliardi di anni – circa l’età del Sistema Solare. Lo stesso test è stato condotto anche su Cerere e Vesta, tenendo conto delle dimensioni, della massa e dell’orbita di ciascun oggetto. Ogni collisione simulata che ha prodotto un cratere di almeno 40 chilometri su Pallade, Cerere o Vesta, è stata registrata.

I risultati mostrano che su Pallade un cratere di simili dimensioni potrebbe essere stato generato da un impatto con un oggetto molto più piccolo rispetto a quello che colpendo Cerere o Vesta formerebbe un cratere di diametro simile. Poiché nella Fascia Principale gli asteroidi di piccole dimensioni sono molto numerosi, Pallade ha una maggiore probabilità di essere colpito a rispetto agli altri due compagni. «Pallade subisce da due a tre volte più collisioni rispetto a Cerere o Vesta, e la sua orbita inclinata è una chiara spiegazione della strana superficie che non vediamo su nessuno degli altri due asteroidi», commenta Marsset.

Dallo studio sono emersi altri due dati interessanti: un punto curiosamente luminoso nell’emisfero meridionale dell’asteroide e un bacino da impatto, estremamente ampio, lungo l’equatore; quest’ultimo è stato probabilmente il risultato di una collisione avvenuta 1,7 miliardi di anni fa con un corpo tra i 20 e i 40 chilometri di larghezza. Per quanto riguarda il punto luminoso, invece, i ricercatori ipotizzano che si possa trattare di un deposito di sale molto grande.

Exit mobile version