Select Page

L’anno della Luna

Se le relazioni tra Trump e Xi Jinping non sono certo rose e fiori, la Nasa fa la corte alla Cina dopo la conquista del lato oscuro, nascosto della Luna. Il rammarico è di non aver potuto aiutare la sonda nella ricerca del sito di allunaggio, ma gli scienziati della Nasa non disperano di poter supportare il rover avvalendosi del Lunar Recoinassance Orbiter. L’obiettivo è non rimanere indietro e condividere i dati che la Cina otterrà grazie alla sonda Chang’e-4 e al suo rover.

Dati importantissimi se proiettati nella prospettiva del Lunar Gateway, la stazione cislunare a cui la Nasa sta lavorando da anni e che sembra entrata, nell’anno che celebra il primo allunaggio umano, nella fase di studio della sua fattibilità, passaggio fondamentale per avviare poi le necessarie collaborazioni internazionali per un progetto ben più ambizioso della già ambiziosa Stazione Spaziale Internazionale.

Ma una cosa è operare in orbita bassa, a 400 km dalla Terra, altra cosa è trovarsi a 384mila km dal nostro pianeta, oltre le fasce di Van Allen. E che la Luna è nel desiderio del mondo spaziale lo dimostrano i bandi emessi dall’agenzia spaziale europea per tecnologia lunare, per non dimenticare che sia Israele che India hanno annunciato missioni Lunari, oltre alla Cina.

È un gran fervere di attività: conquistare la Luna vuol dire innovare su tutto. Dai lanciatori – e qui gli Stati Uniti sembrano essere più avanti con lo Space Launch System di Orion, ma anche il commerciale Big Falcon di Elon Musk. Infrastrutture spaziali capaci di proteggere dalle radiazioni cosmiche gli abitanti della stazione cislunare, e qui l’Italia sembra avere, grazie alla sua industria, una marcia in più. Per non dimenticare l’autosussistenza alimentare, medica e così via. Il cotone è nato e poi morto. La vita compie il suo miracolo anche sulla Luna, ma la vera sfida è farla resistere all’ostilità dello spazio.

Autore

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST

TIMELINE ARTICOLI

timeline