Select Page

Eclissi lunare, ecco la spiegazione dei terrapiattisti

Eclissi lunare, ecco la spiegazione dei terrapiattisti

La Terra è  piatta, come il letto di un bambino su cui campeggiano le farfalline musicali, solo che al posto delle farfalline ci sono il Sole e i pianeti del sistema solare, quelli si a forma di globo. Insomma i terrapiattisti oltre a ritenere il nostro pianeta l’unico degno di una forma diversa dalle altre, sono anche geocentrici come Tolomeo, o quasi. Perché la Terra è sotto il sistema solare che ruota al di sopra. È quanto si evince dalla spiegazione che la Flat Earth Society ha fornito delle eclissi lunari e riportata da quotidiano on line statunitense, Space.com.

Come è noto ai più, oltre che provato scientificamente, le eclissi lunari si verificano quando la luna transita completamente dietro la Terra rispetto al Sole, nel suo cono d’ombra. In questo modo, Sole e Luna sono allineati, il nostro pianeta è in mezzo e impedisce alla luce solare di raggiungere la Luna. Questo fatto scientifico provato è messo in dubbio come molti altri dai teorici della Terra piatta che hanno approfittato dell’eclissi lunare dello scorso 21 gennaio per dire la loro sull’argomento. Secondo  quanto riportato da Space.com per i  terrapiattisti l’eclissi lunare totale sarebbe stata l’occasione ideale per intravedere un misterioso oggetto ombra.

Per  i sostenitori della teoria della terra piatta, questo fantomatico oggetto è un satellite del Sole che orbita troppo vicino alla nostra stella per essere visto, ma si può interporre tra la Terra e la Luna circa due volte all’anno. In un post pubblicato sul sito web  The Flat Earth Wiki gestito dalla Flat Earth Society, l’associazione che riunisce i sostenitori della terra piatta, non si offre alcuna descrizione sull’origine, la forma o la composizione dell’oggetto ombra ma si sostiene che esso è totalmente invisibile quando non si trova di fronte alla luna ed è la causa di tutte le eclissi del nostro satellite.

Flat Earth Wiki fornisce unicamente una descrizione dell’orbita dell’oggetto affermando che essa è inclinata di circa 5,5 gradi rispetto al piano orbitale del Sole. «C’è anche la possibilità che l’oggetto ombra – si legge nel post– sia un corpo celeste noto che orbita intorno al sole ma sarebbero necessari ulteriori studi per tracciare le posizioni dei satelliti, degli asteroidi, di Mercurio, di Venere e del Sole e correlarli con le equazioni dell’eclissi lunare prima di poter raggiungere una conclusione».

Sebbene i terrapiattisti siano più che mai convinti della forma piatta del nostro pianeta, sembrano essersi accordati sulla sfericità del Sole e della Luna. Tuttavia, gli stressi teorici affermano che la nostra stella e il nostro satellite orbitano intorno al polo nord della Terra, non passando mai dall’atra parte. In questo modo le eclissi lunari come le conosciamo non potrebbero verificarsi, dato che la Luna deve trovarsi sul lato opposto della Terra rispetto al Sole perché questo possa accadere. «La Terra – si legge nella pagina dedicata alle Frequently Asked Question di Flat Earth Wiki – non è un pianeta per definizione poiché si trova al centro del Sistema Solare al di sopra del quale ruotano il Sole e i pianeti, qualificati come oggetti astronomici orbitanti. L’unicità della Terra e la sua centralità  nel cosmo rendono inutile il paragone con gli altri corpi celesti vicini». 

Autore

EDITORIALE

di Francesco Rea

Il giornale on line dell’ASI si mette in modalità estiva. Non cambia nulla, se non il video del giorno che riproporremo con i video più significativi fin qui pubblicati. Non mancheranno i video, a partire dalla web series di Beyond, ma rallenteremo il ritmo

Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST