Select Page

Lupus 3, nebulosa dark dal cuore brillante

Lupus 3, nebulosa dark dal cuore brillante

Un nastro tenebroso che si snoda lungo uno sfondo scintillante e racchiude nel suo cuore la luce intensa di nuove stelle: Lupus 3, una fitta nube di gas e polveri animata dal brio di astri neonati, si è presentata così allo sguardo elettronico dei telescopi Vst  (Vlt Survey Telescope) dell’Eso e Mpg/Eso. Situata a 600 anni luce dalla Terra, nella costellazione dello ScorpioneLupus 3 fa parte di un insieme più ampio noto come Nube del Lupo (dall’omonima e vicina costellazione) e, data la sua prossimità alla Terra, nel corso degli anni è stata spesso oggetto di studio, soprattutto per le sue caratteristiche di nursery stellare.

La nebulosa in questione, catalogata come ‘oscura’ o ‘ad assorbimento’, è costituita da gas e polveri sospesi tra gli astri ma – a differenza delle ‘colleghe’ rischiarate dalle radiazioni delle stelle calde – nasconde la luminosità prodotta dagli oggetti celesti che dimorano al suo interno; l’assorbimento della luce è dovuto alle presenza di particelle di polvere fredda e densa. Nella maggior parte dei casi, le nebulose ‘dark’ ospitano aree di intensa formazione stellare e Lupus 3 non fa eccezione, dato che è costituita da protostelle ed astri molto giovani, come la coppia particolarmente scintillante al centro della foto. L’origine di queste protostelle, secondo gli astronomi, è dovuta al collasso dei grumi più densi di gas e polveri che, successivamente, dà luogo a condizioni estreme di temperatura e pressione.

I due ‘baby astri’ sono stati colti nelle primissime fasi della loro vita, tanto che nel loro nucleo non è ancora iniziato il processo di fusione e il loro scintillio è causato dalla conversione dell’energia gravitazionale in calore; tale fenomeno è dovuto alla contrazione del nucleo che si trova in una condizione di instabilità. Le due stelle, particolarmente evidenti sullo sfondo scuro della nebulosa, sono riuscite ad emergere dall’ombra in quanto la loro intensa radiazione e l’azione dei venti stellari hanno ‘ripulito’ le polveri circostanti. Lupus 3 non è un caso isolato nella Via Lattea: tra le sue ‘colleghe dark’ sono particolarmente famose la Nebulosa Sacco di Carbone (Coalsack Nebula) e la Fenditura di Cigno (Great Rift), visibili persino ad occhio nudo. Lo studio di questa peculiare tipologia di nebulosa, secondo gli astronomi, è di grande importanza per approfondire alcuni meccanismi dei processi di formazione stellare, soprattutto per quanto riguarda il Sole; la nostra stella di riferimento, infatti, avrebbe emesso i primi ‘vagiti’ in una ‘culla’ cosmica simile a Lupus 3.

Autore

Valeria Guarnieri

Nata in tempo utile per vivere sin dall'inizio il fenomeno Star Wars, lavora in ASI dal 2000 e dal 2011 si occupa di comunicazione web presso l'Unità Relazioni Esterne e URP dell'ente. Dedica la maggior parte del tempo libero alla montagna, suo grande amore.

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST