Select Page

Hera, quarantacinque giorni da astronauta

Hera, quarantacinque giorni da astronauta

Volete vivere come un’astronauta nello spazio? Il prezzo da pagare è il sonno. Si è conclusa dopo 45 giorni la tredicesima missione della Human Exploration Research Analog (Hera), un programma di ricerca della Nasa volto a sperimentare il volo umano nello spazio profondo, attraverso delle simulazioni a terra presso il Johnson Space Center. Per scopi di ricerca il programma prevede una riduzione delle ore di sonno e della caffeina ai quattro uomini dell’equipaggio. “Dormire così poco è stato veramente difficile” afferma James Tituts membro del team Hera XIII. “Ha davvero ostacolato la nostra normalità. Durante questa missione la riduzione del sonno e della caffeina ci ha fatto davvero rallentare”.

HERA è una delle numerose stazioni di terra utilizzate dal Programma di Ricerca Umana della Nasa. Durante questa tredicesima missione i membri dell’equipaggio hanno testato molti dei movimenti di una vera e propria missione spaziale. Questa è stata la quarta di una serie di sperimentazioni in cui la durata della missione è stata progressivamente aumentata di volta in volta. Le campagne precedenti infatti hanno avuto una durata di sette, quattordici e trenta giorni. Le ore di sonno consentite ai membri del team sono state ridotte per permettere ai ricercatori di verificare se attraverso l’illuminazione degli habitat è possibile combattere la stanchezza. Sono state testate inoltre la coesione del team, le prestazioni e le relazioni interpersonali in questa particolare condizione. Proprio come nello spazio, l’equipaggio è stato ‘isolato’ dal mondo esterno e le comunicazioni erano limitate.

I membri del team hanno svolto diversi compiti tra cui utilizzare il braccio robotico per afferrare un veicolo di trasporto e svolgere un’attività extraveicolare (Eva) su un asteroide, resi possibile attraverso tecnologie virtuali. “È stato divertente e affascinante svolgere queste attività proprio come un vero astronauta”, commenta  l’equipaggio a fine missione.  La seconda fase di questa campagna avrà inizio il 5 agosto 2017 ma, nel frattempo, la Nasa sta già selezionando volontari sani e non fumatori, dai 30 ai 55 anni, per future missioni di simulazione, che, per qualificarsi dovranno passare test fisici e psicologici. Per chi desidera candidarsi sarà possibile inviare il curriculum vitae a questo indirizzo jsc-hera@mail.nasa.gov  o chiamare il seguente numero 281-212-1492.

L’editoriale

Tutti i numeri di Global Science 

di Francesco Rea

97.000 utenti unici mensili. questo è il dato che Global Science ha registrato a partire dal mese di agosto confermato a settembre e che sembra essere il trend per quanto riguarda il nostro giornale online… Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST