Select Page

Il test di gravità più preciso al di fuori del Sistema Solare

Il test di gravità più preciso al di fuori del Sistema Solare

STUDIO SU SCIENCE/Lo studio è stato condotto attraverso i dati acquisiti dai telescopi Hubble della Nasa e Very Large Telescope dell’Eso, osservando l’effetto lente gravitazionale di una galassia

Ilaria Marciano21 giugno 2018

E’ ormai noto a tutti che la velocità con cui l’Universo si sta espandendo sta aumentando. Questo fenomeno, secondo gli scienziati, potrebbe essere spiegato attraverso una grande pressione negativa esercitata dall’enigmatica energia oscura, una forma di energia non direttamente rilevabile, ma che dovrebbe rappresentare circa il 68% dell’Universo. Tuttavia questa ipotesi, che si basa sulla teoria della relatività generale di Albert Einstein, è applicata su scala cosmologica. Testare le proprietà e gli effetti della gravità a lunga distanza, invece, è importante per convalidare il nostro modello cosmologico. Ed è proprio questo il lavoro svolto da un team di astronomi dell’Università di Portsmouth, che, combinando i dati acquisiti con il telescopio Hubble della Nasa e il Very Large Telescope (Vlt) dell’Eso in Cile, è riuscito a dimostrare la teoria della relatività generale anche su scala galattica.

Lo studio è stato condotto osservando l’effetto lente gravitazionale di una galassia vicina, che ha permesso agli scienziati di effettuare un test di gravità su scala di lunghezza astronomica. La ‘protagonista’ dello studio, è la galassia nota come Eso325-6004, tra le più vicine a noi, situata a 500 milioni di anni luce dalla Terra.

Attraverso i dati del Vlt in Cile, il team ha misurato la velocità con cui le stelle si muovono all’interno della galassia, per provare a calcolare approssimativamente la sua massa ed infine ha osservato Eso325 attraverso il telescopio Hubble. Grazie a questo studio, pubblicato oggi su Science, il team è riuscito ad ottenere il test di gravità più preciso al di fuori del Sistema Solare, da una sola galassia.

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST