Select Page

Nubi gioviane, l’ultimo scatto di Juno

Nubi gioviane, l’ultimo scatto di Juno

EMISFERO NORD/La sonda Nasa ha completato il suo tredicesimo sorvolo ravvicinato di Giove immortalando le nubi vorticose che caratterizzano la sua atmosfera

Fulvia Croci 25 giugno 2018

Nubi tumultuose nell’emisfero settentrionale di Giove. Le ha immortalate JunoCam, la camera a bordo della sonda Nasa Juno, durante il fly-by numero 13 della sua carriera, lo scorso 23 maggio. Juno ha realizzato la panoramica delle nubi gioviane, quando si trovava a circa 15.500 chilometri sopra di esse, a una latitudine nord di 56 gradi. L’area evidenziata mostra nuvole piuttosto turbinose: solitamente le nubi più scure si trovano negli strati più profondi dell’atmosfera del pianeta gigante, mentre quelle più luminose si osservano più in alto. Queste ultime sono probabilmente composte da ammoniaca, mista ad acqua e da una serie di altri ingredienti chimici finora sconosciuti.

Al centro dell’immagine, spicca un ovale luminoso che appare uniformemente bianco dalle osservazioni realizzate con i telescopi da terra. Gli strumenti a bordo di Juno, consentono di evidenziare la composizione di questo intricato sistema di nubi, comprese le caratteristiche della zona interna. L’ovale non mostra dei movimenti significativi al suo interno e gli scienziati ritengono che, proprio come accade per la Grande Macchia Rossa, i suoi venti possano rallentare in direzione del centro.

Juno ha iniziato il suo viaggio verso Giove il 5 agosto 2011, giungendo a destinazione il 5 agosto del 2016. La sonda porta con sé otto strumenti, tra cui tra cui i due esperimenti italiani realizzati con il supporto e il coordinamento dell’Asi. Il primo è lo spettrometro Jiram (Jovian InfraRed Auroral Mapper), realizzato da Leonardo sotto la guida dell’Inaf: il suo compito è studiare le caratteristiche delle aurore gioviane. Il secondo è l’esperimento di radioscienza KaT (Ka-band Translator/Transponder), realizzato da Thales Alenia Space, sotto la responsabilità scientifica della Università di Roma ‘La Sapienza’ che ha come obiettivo l’analisi del campo di gravità di Giove.

Autore

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST

TIMELINE ARTICOLI

timeline