Seleziona Pagina

Marte e la vita nell’infernale Dallol

Sono passati pochi giorni da quanto l’entomologo statunitense William Rosomer ha affermato di aver riscontrato vita su Marte in alcuni scatti della superficie marziana fornitigli dal Johnson Propulsion Laboratory della NASA. Lo studio presentato appena ieri su Nature Geoscience da parte di un team di ricercatori europei concede poche chance all’entomologo statunitense. I ricercatori hanno infatti concentrato la loro attenzione su un’area particolare del nostro pianeta, molto simile a quella che dovrebbe essere la realtà ambientale marziana: un cratere vulcanico pieno di sale, che emette gas tossici e nel quale l’acqua bolle in un’intensa attività idrotermale.

Circa l'autore

L’editoriale

Tutti i numeri di Global Science 

di Francesco Rea

97.000 utenti unici mensili. questo è il dato che Global Science ha registrato a partire dal mese di agosto confermato a settembre e che sembra essere il trend per quanto riguarda il nostro giornale online… Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST

ADV