Select Page

Ingegneria aerospaziale: l’Italia alle spalle di Usa e Cina

Ingegneria aerospaziale: l’Italia alle spalle di Usa e Cina

Nel mondo universitario, agosto di solito è un mese di pausa. Niente lezioni, la sessione estiva di esami è finita e gli studenti si preparano agli appelli di settembre. Eppure in questo periodo dell’anno c’è comunque un momento molto atteso dagli accademici: la pubblicazione della classifica mondiale delle migliori università.

Dal 2003, l’Academic Ranking of World Universities (Arwu) è la graduatoria più prestigiosa in materia di eccellenza universitaria. E anche quella considerata più imparziale. A stilarla, la ShanghaiRanking Consultancy, organizzazione indipendente di ricerca sull’istruzione superiore. Quest’anno la classifica è arrivata il giorno di Ferragosto, raddoppiando la sua portata e valutando per la prima volta i primi 1000 atenei del mondo (fino all’anno scorso si parlava “soltanto” dei top 500).

Mentre l’Università di Harvard riconferma il primato indiscusso per il diciassettesimo anno consecutivo, l’Italia rispetto al 2018 ha fatto parecchi balzi in avanti. L’Arwu 2019 vede la Sapienza di Roma al 153esimo posto tra le università di tutto il mondo, prima università italiana. Nella fascia 151-200 anche l’Università di Pisa e la Statale di Milano, rispettivamente in seconda e terza posizione per il nostro paese. E in tutto sono 46 gli atenei italiani a figurare tra le prime 1000 posizioni, su oltre 1800 università censite e circa 17000 stimate al mondo.

Ma addentrandosi un po’ di più nella classifica di Shanghai, i dati si fanno ancora più interessanti. Oltre alla graduatoria generale, che considera precisi parametri come i premi Nobel di ex studenti, le citazioni dei ricercatori o le pubblicazioni su Nature e Science, esiste infatti il cosiddetto ranking by subjects, ovvero una classifica per singole discipline. E qui l’università italiana svetta, con diversi atenei che si trovano tra i primi 50 a livello internazionale.

Tra i record assoluti, c’è quello che riguarda il settore aerospaziale. In questa disciplina l’Italia ha 2 Università tra i primi 20 atenei al mondo: la Federico II di Napoli e la Sapienza di Roma. Considerando quindi le 20 migliori facoltà di Ingegneria Aerospaziale a livello internazionale, abbiamo un primato di Stati Uniti e Cina, rispettivamente con 8 e 7 atenei. Medaglia di bronzo per l’Italia, che con i suoi 2 atenei occupa il terzo posto della top 20. A seguire Olanda, Canada e Gran Bretagna, ciascuno con un ateneo.

Addentrandoci ancora di più nella classifica aerospaziale, vediamo che la Federico II di Napoli occupa la 18esima posizione a livello mondiale. Come si nota nella tabella in basso, facoltà di Ingegneria Aerospaziale dell’ateneo partenopeo è quindi la migliore d’Italia, seconda europea dopo l’Università di Delft olandese. Segue la Sapienza, in posizione 20.

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST