Seleziona Pagina

Orion, go per i sistemi di sicurezza

Orion passa a pieni voti l’abortion test. La capsula è stata sottoposta al test Ascent Abort 2 lo scorso 2 luglio,  a Cape Canaveral e  durante la prova durata in tutto 3 minuti, Orion ha viaggiato  a un’altitudine di poco meno di 10 chilometri per poi dare il via alla sequenza di interruzione che ha portato la capsula a staccarsi dal razzo.

Orion ha riposizionato il suo assetto grazie al motore di bordo ed ha effettuato come previsto uno splashdown nell’oceano. Il test è stato effettuato su un missile Peacekeeper, un razzo militare modificato in grado di simulare le condizioni di lancio. Il test è stato un successo anche se i tecnici Nasa dovranno analizzare attentamente ogni dettaglio per garantire che non ci siano stati problemi. L’abortion test conclude la fase più importante sulle verifiche dei sistemi di sicurezza di Orion.

La capsula è parte dello Space Launch System, il razzo che avrà il compito di riportare l’uomo in orbita lunare con il Lunar Gateway e poi sulla sua superfice con il programma Artemis. La prima missione Artemis dovrebbe partire nel 2024 per dare il via  a una nuova era dell’esplorazione spaziale che porterà l’uomo anche su Marte.

Circa l'autore

L’editoriale

Tutti i numeri di Global Science 

di Francesco Rea

97.000 utenti unici mensili. questo è il dato che Global Science ha registrato a partire dal mese di agosto confermato a settembre e che sembra essere il trend per quanto riguarda il nostro giornale online… Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST

ADV