Select Page

Mars 2020, il robot ha un braccio

Mars 2020, il robot ha un braccio

Montato il braccio robotico su Mars 2020. Il rover che la Nasa invierà su Marte nel 2020 sgranchisce il suo arto principale. E’ lungo due metri e ha cinque articolazioni che terminano con la torretta, una specie di mano. Come un geologo umano, il braccio piazzerà sul suolo rosso la trivella e gli strumenti scientifici e preleverà campioni di roccia marziana.

Nelle prossime settimane l’arto, snodato su spalla, gomito, polso, avrà la sua torretta. La mano hi tech è dotata di telecamere ad alta definizione, strumenti scientifici, trapano a percussione e meccanismo di carotaggio. Tutti utensili utili per estrarre campioni, analizzarne la composizione e acquisire immagini al microscopio. All’interno del rover opererà anche un arto più piccolo per gestire e manipolare i saggi.

Mars 2020 è parte del Mars Exploration Program della Nasa, dedicato all’esplorazione robotica del Pianeta rosso. Successore di Curiosity, Il rover raccoglierà e lascerà sul suolo marziano un bottino di saggi di rocce in attesa di una missione, non ancora progettata, che le porterà a Terra. Il rover sarà lanciato da Cape Canaveral a luglio del 2020 e atterrerà nel Cratere Jezero nel ‎ febbraio 2021. In attesa del decollo ed entro il 30 settembre 2019, è possibile iscriversi qui per inviare il proprio nome sul Pianeta rosso e ottenere un souvenir d’imbarco.

L’editoriale

Tutti i numeri di Global Science 

di Francesco Rea

97.000 utenti unici mensili. questo è il dato che Global Science ha registrato a partire dal mese di agosto confermato a settembre e che sembra essere il trend per quanto riguarda il nostro giornale online… Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST

ADV