Select Page

La Fascia di Kuiper nell’agenda di Hubble

La Fascia di Kuiper nell’agenda di Hubble

È un’area fredda e distante – oltre l’orbita di Nettuno – custodisce i ‘cimeli’ della nascita dei pianeti ed è ritenuta di grande importanza per approfondire le origini del nostro sistema planetario: la Fascia di Kuiper torna alla ribalta per un’attività di ricerca affidata al Southwest Research Institute (SwRI) di San Antonio (Texas), che vedrà coinvolto Hubble. A quasi 29 anni dal lancio (la ricorrenza cade il 24 aprile prossimo), infatti, lo storico telescopio ha un’agenda fitta di impegni e sarà utilizzato per effettuare la mappatura più ampia – mai realizzata prima d’ora – degli oggetti di questa zona remota (KboKuiper Belt Objects), focalizzandosi soprattutto su quelli binari.

Hubble, che si trova ad un’altezza di circa 560 chilometri e gira intorno alla Terra ogni 97 minuti, dedicherà ben 206 orbite a questo progetto di ricognizione, chiamato Ssols (Solar System Origins Legacy Survey). I planetologi ritengono che, allo stato attuale, le proprietà dei Kbo binari – incluso il colore – possano essere studiate con accuratezza solo con gli strumenti di Hubble, soprattutto nei casi in cui i due oggetti abbiano una massa simile. I sistemi binari sono ritenuti i migliori ‘traccianti’ dei processi che hanno portato alla formazione dei pianeti: il lavoro di Hubble servirà proprio per testare la teoria che vede i planetesimi scaturire da queste coppie di oggetti e che ritiene gli odierni Kbo binari non derivanti dalla fusione di corpi celesti inizialmente a sé stanti.

Gli oggetti binari orbitano l’un l’altro, mentre ruotano intorno al Sole, e sono considerati i resti più antichi della primissima fase di vita del Sistema Solare, quando potevano nascere semplicemente dal collasso di ‘sciami’ di ciottoli di piccola taglia. Le attuali teorie sulla formazione dei planetesimi contemplano l’esistenza di differenti varietà di dimensioni e colori per i Kbo binari e singoli. Infatti, gli studiosi pensano che gli oggetti binari possano presentare due situazioni diverse: colori e dimensioni cambiano a seconda che derivino da un processo di fusione o se sono in coppia sin dai primordi. In questo secondo caso, colori e misure sono simili a quelli dei Kbo singoli. Il programma Ssols, che terrà d’occhio oltre 200 Kbo binari, raccoglie il testimone di due precedenti mappature sulla Fascia di Kuiper, la Ossos (Outer Solar System Origins Survey) e la Cfeps  (Canada-France Ecliptic Plane Survey).

Autore

Valeria Guarnieri

Nata in tempo utile per vivere sin dall'inizio il fenomeno Star Wars, lavora in ASI dal 2000 e dal 2011 si occupa di comunicazione web presso l'Unità Relazioni Esterne e URP dell'ente. Dedica la maggior parte del tempo libero alla montagna, suo grande amore.

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST