Seleziona Pagina

Vita su Marte dagli asteroidi

Vita su Marte dagli asteroidi

L’impatto degli asteroidi nel passato di Marte potrebbe aver prodotto ingredienti chiave per lo sviluppo della vita. Questo è quanto emerge da un nuovo studio condotto dell’Istituto di Scienze Nucleari dell’Università Nazionale del Messico, attraverso i dati del rover Curiosity. Gli ingredienti individuati sono nitriti (NO2-) e nitrati (NO3-), sostanze composte da azoto e ossigeno, essenziali per la costituzione della vita così come la conosciamo. Sono stati scoperti in campioni roccia raccolti da Curiosity nel suo viaggio all’interno del Cratere di Gale, il sito in cui in passato giaceva un lago d’acqua dolce.

Per capire come queste sostanze possano essere state depositate nel cratere, i ricercatori hanno ricreato in laboratorio la prima atmosfera marziana passata. Dopo aver simulato le onde d’urto generate dall’entrata in atmosfera  degli asteroidi il team ha provato a determinare la quantità di nitrati prodotti da questo impatto. I risultati evidenziano che “la quantità di nitrati è aumentata quando è stato inserito nel test l’idrogeno per simulare l’impatto degli asteroidi. Un risultato inaspettato poiché la formazione di nitrati richiede ossigeno, mentre l’idrogeno, al contrario, porta ad un ambiente povero di ossigeno”.

La presenza di idrogeno ha portato a un raffreddamento più rapido del gas surriscaldato dagli urti, intrappolando l’ossido di azoto, il precursore del nitrato, a temperature elevate dove la sua resa era più elevata. “A causa dei bassi livelli di azoto gassoso nell’atmosfera, il nitrato è l’unica forma di azoto biologicamente utile su Marte”, ha spiegato il co-autore dello studio Christopher McKay. “Pertanto, la sua presenza nel suolo ha un importante significato astrobiologico. Questo documento ci aiuta a capire le possibili fonti di quel nitrato”.

Ma perché gli effetti dell’idrogeno nell’atmosfera marziana sono così affascinanti? Sebbene la superficie di Marte oggi sia fredda e inospitale, gli scienziati pensano che in passato un’atmosfera più densa, arricchita da gas serra come l’anidride carbonica e il vapore acqueo, possa aver riscaldato il pianeta. Alcuni modelli climatici mostrano che la presenza di idrogeno nell’atmosfera potrebbe essere stata necessaria per innalzare le temperature sufficienti ad  avere acqua liquida sulla superficie. Anche se la composizione della prima atmosfera marziana rimane ancora un mistero, questi risultati possono fornire nuovi dati per risolvere questo enigma climatico.

Lo studio è stato pubblicato a gennaio sul Journal of Geophysical Research.

Circa l'autore

L’editoriale

Tutti i numeri di Global Science 

di Francesco Rea

97.000 utenti unici mensili. questo è il dato che Global Science ha registrato a partire dal mese di agosto confermato a settembre e che sembra essere il trend per quanto riguarda il nostro giornale online… Continua a leggere

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST

ADV