Select Page

Emergenza Antartide: enorme cavità sotto i ghiacci

Continua l’emergenza ghiacci al polo sud. Una gigantesca cavità, estesa circa 40 km2, quasi due terzi del territorio di Manhattan e alta circa 300 metri, si sta aprendo al di sotto del ghiacciaio Thwaites nell’Antartide occidentale. Questo è quanto emerge da uno studio della Nasa pubblicato su Science, condotto grazie ai dati provenienti da osservazioni satellitari, tra cui quelle della costellazione Cosmo-SkyMed dell’Agenzia spaziale italiana.

La dimensione di una cavità al di sotto un ghiacciaio svolge un ruolo importante nel suo processo di assottigliamento; maggiore è la quantità di acqua dell’oceano che scorre al suo interno e più il ghiacciaio si scioglie velocemente.

I dati ottenuti dalle osservazioni satellitari hanno permesso agli scienziati di rilevare il tasso di scioglimento di Thwaites, che solo negli ultimi tre anni ammonta a 14 miliardi di tonnellate di ghiaccio e ad oggi è il più alto mai registrano nella storia delle misurazioni. Il suo spessore complessivo continua a ridursi drasticamente di 40 cm annui e gli studi dimostrano che solo il Thwaites, che ha una superficie grande quanto la Florida, contribuisce per circa il 4% all’innalzamento mondiale dei mari. Se dovesse sciogliersi porterebbe ad un innalzamento delle acque mondiali fino a 65 centimetri. Anche nell’Antartide orientale la situazione è drastica. Il ritiro dei ghiacciai della Grounding line – la linea di confine tra ghiaccio ancorato e ghiaccio galleggiante – è raddoppiata da circa 0,6 chilometri all’anno dal 1992 al 2011 a 1,2 chilometri ogni anno dal 2011 al 2017.

NEWSLETTER

iscrizione newsletter

Tweet spaziali

IL SITO DELL’ASI

ASITV

I PODCAST